Corso Rinnovo CQC

Corso della durata di 35 ore per rinnovare la CQC per il trasporto di merci o di persone. La validità del corso ha 5 anni.

Come si rinnova la CQC

  • Per rinnovare la CQC che ha una validità di 5 anni, è necessario frequentare un corso da 35 ore che, ad oggi, non prevede un esame finale.
  • E’ possibile frequentare il corso di rinnovo della CQC a partire da 3 anni e 6 mesi prima della scadenza della stessa.
  • Autoscuola Zonta è autorizzata dal Ministero dei Trasporti allo svolgimento dei corsi di rilascio e di rinnovo della CQC.
LISTINO E CALENDARIO CORSI DI RINNOVO CQC

Scarica subito il listino prezzi e la documentazione per il corso rinnovo CQC

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Chiariamo subito a chi serve effettivamente la Carta di Qualificazione del Conducente (CQC).

La CQC è il documento per poter guidare professionalmente veicoli pesanti sia per il trasporto di cose che di persone. Si definiscono pesanti, i veicoli trasporto cose di massa complessiva superiore a 3,5 t e i veicoli trasporto persone autorizzati a trasportare un numero superiore a nove persone compreso il conducente.

 

Stiamo considerando quindi quei veicoli che per essere guidati necessitano delle patenti superiori (C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D, DE).

 

Per guida professionale s’intende, invece, la guida esercitata in ogni caso alla guida di un veicolo pesante di proprietà di un’azienda di trasporto in conto terzi (autista professionista) e anche la guida di veicoli pesanti in conto proprio se il conducente risulta assunto con la mansione di autista, cioè quando la “guida” risulti essere la sua attività prevalente.

Esenzioni e normativa

Sono esentati, e quindi non sono tenuti al conseguimento e al rinnovo della CQC, i conducenti di veicoli:

• la cui velocità massima autorizzata non supera 45 km/h;
• ad uso delle Forze armate, della Protezione civile, dei Vigili del fuoco e delle forze responsabili del mantenimento dell’ordine pubblico, o messi a loro disposizione;
• sottoposti a prove su strada a scopo di perfezionamento tecnico, riparazione o manutenzione, e nuovi o trasformati non ancora immessi in circolazione;
• utilizzati in servizio di emergenza o destinati a missioni di salvataggio;
• utilizzati per lezioni di guida ai fini del conseguimento della patente o della CQC;
• utilizzati per trasporti privati e non commerciali di passeggeri o di cose;
• che trasportano materiale o attrezzature, utilizzati dal conducente stesso nell’esercizio della propria attività, a condizione che la guida del veicolo non ne costituisca attività principale.

ATTENZIONE:
Le ultime due esenzioni, riferite ai conducenti di veicoli adibiti ad uso proprio, non si applicano nel caso in cui il conducente del veicolo risulti assunto alla dipendenze di un’impresa con la qualifica di autista; in tal caso, infatti, non vi è dubbio che la guida del veicolo venga effettuata a carattere professionale.

Hai una richiesta?

Scrivici per ulteriori informazioni
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.